La top 10 della tavola Chianina

La top 10 della tavola Chianina

La top 10 della tavola Chianina

I 10 prodotti tipici che non puoi non assaggiare in Valdichiana Senese.

AGLIONE: Speciale varietà di aglio i cui bulbi possono arrivare a pesare anche 500g. Il suo sapore dolce e la sua maggiore digeribilità lo rendono un perfetto sostituto all’aglio. Non aspettatevi di trovarlo in tutti i supermercati; l’aglione è un ortaggio piuttosto raro e lo si coltiva soltanto nella sua zona d’origine: la Valdichiana.

BICO: Focaccia tipica di Piazze (frazione di Cetona), fatta con farina, acqua, lievito, olio, un pizzico di sale e cotta nel forno a legna. Quello che rende il bico delizioso è il prestarsi ad essere farcito come più vi piace.

BRUSTICO: Il piatto più caratteristico dei “chiari”, ovvero dei laghi di Montepulciano e Chiusi, strettamente legato alle più antiche tradizioni di pescatori. Il brustico è un piatto nutriente preparato abbrustolendo i filetti di pesce sulle canne lacustri. A cottura ultimata basta spellare il pesce dalle parti bruciacchiate e condirlo con olio, sale e erbe aromatiche.

CACIO PECORINO: Un solo nome, mille sapori: fresco, freschissimo, stagionato, invecchiato nella cenere o nella paglia, nelle foglie di noci o nelle fosse. Da assaggiare accostato ai salumi locali o a fine pasto cosparso di miele. Da secoli il pecorino toscano è legato al nome di una città: Pienza.

CARNE CHIANINA: La Valdichiana è la patria della razza Chianina, i bovini più grandi del mondo da cui si ottiene la ben nota bistecca fiorentina. Ma la carne Chianina è saporita e succulenta in ogni versione: tartare, hamburger, roast beef: provare per credere!

CINTA SENESE: É il maiale autoctono di quest’area, allevato in regime di semi-selvaticità, dal quale si ricavano carni di grandissimo pregio. Impossibile non riconoscere questo simpatico maialino nero con la sua caratteristica cinta rosa.

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA: La cura nei processi di lavorazione unita alla qualità ambientale e alla complicità del territorio, regala un olio dalle caratteristiche organolettiche eccezionali, tra cui la bassa acidità e il retrogusto fruttato. La massima soddisfazione: gustarlo con una fetta di pane abbrustolito.

PICI: Pasta lavorata a mano originaria della campagna senese, molto simile allo spaghetto, ma più irregolare e grossolana. Il limite nella scelta dei condimenti per questo tipo di pasta così versatile è solo la fantasia. Tra i tanti accompagnamenti, due in particolare esaltano tutta la tipicità territoriale dei pici: la salsa all’aglione e il ragù di Chianina. Famosi in tutta la Valdichiana i pici di Celle sul Rigo, premiati nel 2013 dal Touring Club Italia.

VIN SANTO: Famoso vino dolce da fine pasto, immancabile compagno dei cantucci, nonché simbolo dell’accoglienza toscana. Degustalo nelle sue versioni DOC, Vin Santo di Montepulciano e  Vin Santo Riserva di Montepulciano, magari durante una visita a Montefollonico, il “Borgo del Vin Santo”, a poca distanza da Torrita di Siena.

VINO NOBILE DI MONTEPULCIANO: Vero e proprio simbolo di Montepulciano, nonché il primo vino in Italia a potersi fregiare delle fascette della Denominazione di Origine Controllata e Garantita (D.O.C.G.) nel 1980. Il disciplinare vuole che il Nobile di Montepulciano sia costituito per almeno il 70% da Sangiovese, denominato a Montepulciano “Prugnolo Gentile”, e messo in commercio solo dopo due anni di maturazione.